A Caserta si continua a giocare sulle scuole di ogni ordine e grado

A Caserta si continua a giocare sulle scuole di ogni ordine e grado. Leggo baggianate sulla scuola ubicata ad Ercole. Ma qualcuno pensa che abbiamo l’anello al naso? Ricordo che l’ex sindaco Pio del Gaudio è stato ‘sollecitato’ a suo tempo, per la risoluzione della questione, e la sua amministrazione, ha fatto capriole per pagare…

A Caserta si continua a giocare sulle scuole di ogni ordine e grado. Leggo baggianate sulla scuola ubicata ad Ercole. Ma qualcuno pensa che abbiamo l’anello al naso? Ricordo che l’ex sindaco Pio del Gaudio è stato ‘sollecitato’ a suo tempo, per la risoluzione della questione, e la sua amministrazione, ha fatto capriole per pagare il fitto e salvaguardare i bambini e la loro scuola di Ercole.

A Caserta si continua a giocare sulle scuole di ogni ordine e grado

Oggi c’è sentore, come capita in ogni pre-elezione, di falso buonismo. Di politica ad uso personale. Di “politica-commerciale” non intesa come intrapresa dagli Stati rispetto alle relazioni di scambio di beni con i paesi stranieri, bensì come politica di scambi commerciali. Do ut des.

C’è chi esterna “..ma no!!!! ma figuratevi…sciocchezze ….e chi lo ha mai chiesto..”

Caserta Kest’è, nella persona del presidente Ciro Guerriero, continua le battaglie di denuncia. Caserta Kest’è vuole che si sappia ciò che avviene in città, soprattutto se ciò che avviene è all’ insaputa del cittadino comune. Perché NOI, a differenza di qualcuno, lavoriamo per fortuna e riusciamo a mettere onestamente il piatto in tavola. Vogliamo fortemente salvaguardare il futuro dei nostri figli e il bene e il viver civile della nostra città, affinché non venga svenduta al primo accattone con un bando di gara. Tutto questo, mentre altri hanno il “cocco ammunnato e buono” e giocano sulle disgrazie della povera gente, della serie “non si saziano mai, neanche della terra di Camposanto”. Noi, oggi  più di ieri, siamo costretti a sorvegliare, togliendo del tempo a cose molto più piacevoli.

Concludendo e senza mezzi termini esorto a non  prendere per i “fondelli” noi famiglie. Se chi oggi interviene è in buona fede allora restituisca tutti i fitti incassati, rinunci a quelli non incassati, consegni la scuola al Comune. Se non erro un costruttore  ha in proprietà tutta l’area di fronte alla De Amicis. E’ terreno edilizio ed ha diritto di costruire? Vuole aiutare Caserta? La regali alla città. Non costruisca. La comunità potrebbe realizzare una piazza fantastica al centro  di Caserta e di fronte alla scuola.Yamm’ a v’rè…..Kest’è !!!!!

A Caserta si continua a giocare sulle scuole di ogni ordine e grado

Chi si sentisse tirato in ballo da ciò che scrivo, o da altro, ed ha qualcosa da ridire, ci scriva una bella email. Noi provvederemo a pubblicarla integralmente. Magari aprendoci come sempre ad un salutare e democratico dibattito. Vogliamo ricordare a chi ci segue  o ci osserva, che non abbiamo bisogno di like. Di piacere per forza. Dalle nostre parti non ci sono ombre. Poi se lo strumento dell’email, non è ritenuto appropriato, si può, come ogni cittadino ha diritto di fare, recarsi negli studi o uffici preposti. Denunciando una presunta diffamazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *