AMBC: Pacifico, ci fai sapere cosa sta succedendo sui rifiuti e cosa stai facendo sulla nuova Tari?

Comunicato stampa dell’Associazione Mondragone Bene Comune

#iorestoacasa. Vanno bene ordinanze, prescrizioni e divieti finalizzati a superare l’<emergenza coronavirus>, va bene la restrizione delle libertà personali finalizzata a preservare il primario <bene salute> e facciamoci andar bene anche <l’ennesimo stato d’eccezione>, ma non possiamo permettere che la democrazia locale vada definitivamente <in vacca>. Una democrazia locale già fortemente compromessa a causa dell’opacità che accompagna l’azione amministrativa, dell’assenza di informazione e comunicazione istituzionale e dell’assenza di politiche pervalorizzare ed incentivare la partecipazione dei cittadini.Qualcuno ha criticato la nostra presenza politica in piena <emergenza coronavirus>. Eppure, Pacifico e la sua Giunta in piena emergenza hanno deliberato di mettere a bando pezzi di spiaggia (una misura di cui non si sentiva alcun bisogno e certamente non urgentissima) e nessuno (neppure qualche solerte dipendente comunale) ha pensato di muovere qualche appunto. Si contribuisce a superare l’emergenza anche continuando nella normalità a fare politica ad esercitare la cittadinanza. L’azione amministrativa non si ferma e perché dovremmo fermarci noi? Per esempio: continuiamo a restare in attesa di conoscere quando finirà l’incredibile querelle che è iniziata in fase di passaggio del cantiere rifiuti. E, soprattutto, siamo in attesa di conoscere la verità sui costi del personale, alla base delle rimostranze della ditta che avrebbe dovuto già da tempo iniziare il servizio (ma ci sarà qualche responsabile, qualche RUP che dovrà risponderne?). Il 30 aprile intanto si avvicina e l’applicazione del nuovo metodo tariffario della Tari inizia a entrare nel vivo ovunque in Italia. La delibera 57/2020 dell’ARERAhttps://www.arera.it/it/docs/20/057-20.htm prova a fornire i primi chiarimenti, che si aggiungono a quelli della nota di lettura Ifel https://www.fondazioneifel.it/ifelinforma-news/item/10048-il-metodo-tariffario-arera-del-443-2019-nota-di-approfondimento-ifel-sul-pef-rifiuti. Cosa sta predisponendo l’Amministrazione Pacifico? Ma veramente si pensa di approvare il prossimo bilancio senza considerare l’applicazione del nuovo metodo tariffario della Tari? Il differimento dei termini di approvazione dei bilanci comunali al 30 aprile concede più tempo anche per l’aggiornamento dei regolamenti comunali. La nuova Imu e, soprattutto, l’accertamento esecutivo impongono un aggiornamento praticamente di tutti i regolamenti tributari (per il regolamento Imu c’è più tempo, perché la legge di bilancio 2020 ha fissato il termine al 30 giugno). Cosa sta facendo l’Amministrazione Pacifico in tal senso? Sappiamo che per l’ARERA il sistema tariffario per il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani deve puntare all’obiettivo di  incentivare la prevenzione, la raccolta differenziata di qualità, la preparazione per il riutilizzo e il riciclaggio di rifiuti urbani e, in generale, l’efficientamento dei processi di selezione, recupero e valorizzazione della materia, finalizzato alla limitazione del ricorso alla discarica.Sappiamo che i piani, come ricorda l’Autorità, vanno inviati entro il 30 maggio, cioè 30 giorni dopo il termine per la delibera delle tariffe, che quest’anno è fissato al 30 aprile. Con riferimento ai piani economico-finanziari e ai corrispettivi del servizio integrato dei rifiuti, o dei singoli servizi che costituiscono attività di gestione, sappiamo che l’ARERA avvierà un procedimento volto alla verifica della coerenza regolatoria degli atti, dei dati e della documentazione trasmessa. Se i piani non saranno in linea con il nuovo metodo tariffario, sappiamo che l’Autoritàchiederà di modificarli. Tutto questo tenendo comunque conto delle scelte assunte dall’ente territorialmente competente e delle misure necessarie a garantire la sostenibilità economica della gestione. L’AMBC chiede che l’Amministrazione Pacifico informi la città su cosa stia accadendo in merito al passaggio di cantiere e, soprattutto, in ordine agli adempimenti relativi alla nuova Tari. E, a proposito dell’<emergenza coronavirus>, lAMBC segnala, infine, che IlGrandeColibri.com hapubblicato alcune semplici linee guida in diverse lingue: si tratta di indicazioni basilari di igiene e di condotta e di brevi note per evitare di cadere in paure eccessive. Il blog interculturale https://www.ilgrandecolibri.com/ è da alcuni anni un punto di riferimento per migranti e rifugiati. Nel 2016 si è costituita anche l’associazione di volontariato “Il Grande Colibrì” a cui aderiscono persone diverse per identità di genere, orientamenti sessuali, origini e religioni, “ma unite dal rispetto per questa diversità e dal piacere di condividerla”. Qui è possibile leggere e scaricare i file in pdf (albanese, arabo, bengalese, francese, inglese, portoghese, spagnolo, tedesco, urdu), sono disponibili anche alcuni video. http://www.salute.gov.it/.