Coronavirus: Ficco (Saues), più dpi integrali per medici di base

“Le recenti scoperte sulla evoluzione della malattia da Coronavirus indurranno a praticare la terapia farmacologica al domicilio del paziente già all’insorgenza dei sintomi per prevenirne la catastrofica evoluzione fino all’exitus”. Lo ha affermato Paolo Ficco, presidente nazionale del Saues, sindacato autonomo urgenza emergenza sanitaria per il quale “in questo senso un ruolo assistenziale di primo…

“Le recenti scoperte sulla evoluzione della malattia da Coronavirus indurranno a praticare la terapia farmacologica al domicilio del paziente già all’insorgenza dei sintomi per prevenirne la catastrofica evoluzione fino all’exitus”. Lo ha affermato Paolo Ficco, presidente nazionale del Saues, sindacato autonomo urgenza emergenza sanitaria per il quale “in questo senso un ruolo assistenziale di primo piano potrebbero rivestirlo i medici di assistenza primaria ai quali andrebbero pero’ assegnati i dispositivi di protezione individuale integrali che tuttavia già  scarseggiano e risultano insufficienti per i medici di emergenza territoriale”. “Per questo – e’ l’appello del Saues – invitiamo il governo a destinare le necessarie risorse finanziarie alla fornitura di questi dispositivi integrali”. “Con l’impegno adeguatamente garantito dei medici di base – ha concluso Ficco – ridurremmo peraltro i ricoveri ospedalieri e pertanto la spesa sanitaria”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *