Droga, rito abbreviato per 9 persone

Indagine Dda e carabinieri. Il 15 luglio la requisitoria del Pm

Hanno tutte chiesto di essere giudicate con rito abbreviato, dal gup del Tribunale di Napoli Rosa De Ruggiero, le nove persone coinvolte nell’indagine antidroga dei carabinieri rimbalzata all’onore delle cronache lo scorso 11 febbraio. Le accuse a vario titolo: associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti e spaccio, contestate in relazione a fatti che si sarebbero svolti dal 2016 all’aprile 2018.

Nel mirino un giro di hashish, eroina e cocaina acquistati a Castelvolturno e Castello di Cisterna e poi piazzati nel beneventano  ed in qualche centro della provincia. Il 15 luglio la requisitoria del pm della Dda Luigi Landolfi nei confronti di Pio Musco, 37 anni, Antonio Troise, 27 anni, Alfredo Norice, 35 anni, Pierino Licciardi, 52 anni, di Benevento, e Vincenzo D’Agostino, 27 anni, di San Nicola Manfredi, che all’epoca erano stati destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere; e di Arturo Sparandeo, 36 anni, Michelangelo Sessa, 27 anni, Giuseppe Mucci, 51 anni, Alfredo Mucci, 42 anni, anche loro di Benevento, per i quali il Gip aveva detto no ad una misura cautelare. Il 2 ed il 9 ottobre le arringhe dei difensori e poi la sentenza.

error: Content is protected !!