E’ negativo il test sul barista ‘sputacchione’

CASERTA – Nota a tutti la scena di ordinaria follia nel momento di maggior allarme a causa del Coronavirus. Un ragazzo  entra in un supermercato e mentre si filma pensa bene di abbassare la  propria mascherina e sputare sulla frutta, per poi pubblicarlo facendo la storia su Instagram insieme alla scritta “Infettiamo“.

Lo sputacchione, identificato e intercettato dalla polizia, ora dovrà rispondere per il reato di procurato allarme e inosservanza ai provvedimenti dell’autorità.

Si chiama Salvatore F., il 25nne  è stato contattato oggi da la Radiazza  di Gianni Simioli, per raccontare le proprie ragioni al gesto disgustoso e pericoloso per l’incolumità pubblica.

“Quello che si vede nel video è solo una parte di ciò che è stato fatto e registrato. La mia voleva essere una denuncia contro la scarsa sorveglianza e vigilanza nei supermercati. In ogni caso sono risultato negativo al Coronavirus.”- ha spiegato il giovane casertano.

“Questa versione dei fatti ci convince davvero poco. Come mai allora la restante parte del video non sarebbe stata diffusa? Se pur volessimo dar per buona questa storia dobbiamo comunque dire che a dover fare le inchieste e le denunce devono essere i giornalisti e non ragazzi qualunque che pur di avere 5 minuti di gloria rischiano denunce penali per delle sciocchezze.

Il fatto resta comunque da condannare e dovrà pagare duramente per quello che ha fatto, è qualcosa di molto grave ma speriamo che Salvatore abbia imparato la lezione e che la sua storia serva da monito a qualcun altro.” – ha commentato il noto speaker Simioli.