L’AVV. ELENA BERNARDO COMPARIRA’ INNANZI AL TAR PER LA SURROGA ESPOSITO / FEDERICO

CASERTA –  La Giunta Comunale , ha dato mandato call’ufficio legale dell’Avv.  Elena Bernardo per la costituzione del Comune di Caserta nel giudizio intrapreso dinanzi  al TAR – Campania  Napoli ,  con atto notificato il 30.10.2017 , dai Consiglieri Comunali :Norma Naim, Francesco Apperti, Antonello Fabrocile, Enzo Bove,  Stefano Mariano e Roberto  Desiderio (mancano Ventre e Massimiliano Marzo e…

CASERTA –  La Giunta Comunale , ha dato mandato call’ufficio legale dell’Avv.  Elena Bernardo per la costituzione del Comune di Caserta nel giudizio intrapreso dinanzi  al TAR – Campania  Napoli ,  con atto notificato il 30.10.2017 , dai Consiglieri Comunali :Norma Naim, Francesco Apperti, Antonello Fabrocile, Enzo Bove,  Stefano Mariano e Roberto  Desiderio (mancano Ventre e Massimiliano Marzo e questo si comprende, manca  Garofalo e pure si comprende, manca infine Dello Stritto e questo si comprende di meno) allo scopo di  ottenere un’immediata sospensiva dell’efficacia della delibera con cui il consiglio comunale ha sancito, lo scorso 6 ottobre, la surroga di Dora Esposito, entrata in giunta con il primo dei non eletti della lista del Centro Democratico Camillo Federico.

Federico non ha partecipato, al voto sul bilancio, è anche vero che tutta la procedura di convocazione di quella seduta del consiglio può essere per questo motivo viziata.

Federico ha anche votato alle elezioni provinciali. La seduta del consiglio comunale del 6 ottobre, ricorderete era finalizzata a consentire l’ingresso in consiglio dello stesso Federico prima del voto per le provinciali fissato per il 12 ottobre. quindi, se i 257 voti ponderati espressi da Federico non sono stati sicuramente decisivi per l’elezione del presidente della provincia Magliocca, in quanto la differenza tra Magliocca e Marino è stata molto più ampia, e dato pure che la sfida tra i presidenti è avvenuta su una scheda autonoma, una distinta dall’altra, è anche vero che togliendo dalla partita i 257 voti ponderati di Federico, il verdetto della elezione dei 16 consiglieri comunali avrebbe potuto essere ben diverso. Per cui, non è impossibile che qualche non eletto al consiglio provinciale possa produrre ricorso se e quando la storia di questa surroga produrrà, a sua volta, una prima sentenza esecutiva di merito da parte del tar.

Per ora, possiamo solo attendere l’esito della richiesta cautelare, con la quale i consiglieri comunali invitano il presidente del tar della Campania a esprimere una decisione urgentissima e monocratica sulla richiesta di sospensiva, anticipando la prima convocazione utile di una camera di consiglio.

 Il giorno 22 novembre 2017 si terrà la tanto attesa seduta in Camera di Consiglio dinanzi al Tar Campania.

Leggi il ricorso surroga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *