Meteo: Italia DIVISA tra NEBBIA congelante e PRIMAVERA di Natale. Poi Colpo di Scena, ecco quando

Non ci sono stati particolari cambiamenti dal punto di vista climatico in questi ultimi due giorni. Stiamo vivendo una situazione un po’ strana, ma in realtà non del tutto nuova nello scenario meteorologico italiano. Abbiamo un’Italia caratterizzata da un unico comune denominatore, la presenza dell’anticiclone, ma in qualche modo divisa. L’alta pressione domina e continua…

Non ci sono stati particolari cambiamenti dal punto di vista climatico in questi ultimi due giorni. Stiamo vivendo una situazione un po’ strana, ma in realtà non del tutto nuova nello scenario meteorologico italiano. Abbiamo un’Italia caratterizzata da un unico comune denominatore, la presenza dell’anticiclone, ma in qualche modo divisa.

L’alta pressione domina e continua a regalare tanto sole e un clima mite sulle alture del Nord e su buona parte delle nostre regioni centro-meridionali, ma addirittura quasi tiepido al Sud, dove si sta vivendo una sorta di PRIMAVERA di NATALE, destinata tra l’altro a continuare nei prossimi giorni. 

Sulla Pianura Padana, sul levante ligure e sulle coste settentrionali della Toscana invece, la situazione è diametralmente opposta, a causa di una NEBBIA CONGELANTE, che a tratti ristagna e che quando si solleva provoca uno sgradevole tappeto di nubi medio/basse, le quali contribuiscono a mantenere un’atmosfera grigia e fredda anche durante la ore centrali del giorno. 

Ma quando cambierà questa situazione di staticità atmosferica? Ci vorrà ancora un po’ di pazienza, ma il COLPO DI SCENA arriverà. 

Perché secondo gli ultimi dati l’alta pressione potrebbe accompagnarci quanto meno fino alla fine dell’anno o addirittura fino ai primi 2/3 giorni del 2019. Successivamente, essa subirà verosimilmente un collasso, a causa di un’ingerenza delle correnti atlantiche con conseguente ritorno delle perturbazioni. In seguito, diciamo entro la Befana, potrebbero arrivare influenze ancora più fredde dai quadranti nord-orientali, con un ulteriore cambio di circolazione e con un generale raffreddamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *