Restano gravi le condizioni del finanziere casertano Michele Grauso

CASERTA – Finanziere casertano, venerdì, appena due giorni fa veniva centrato alla testa da un proiettile esploso per errore da un collega all’interno della Camerata della Caserma Monte Grappa di Orvieto, sede della Scuola addestramento di specializzazione della Guardia di Finanza. Michele Grauso, 27 anni originario di San Nicola la Strada, il colpo  sarebbe partito…

CASERTA – Finanziere casertano, venerdì, appena due giorni fa veniva centrato alla testa da un proiettile esploso per errore da un collega all’interno della Camerata della Caserma Monte Grappa di Orvieto, sede della Scuola addestramento di specializzazione della Guardia di Finanza.

Michele Grauso, 27 anni originario di San Nicola la Strada, il colpo  sarebbe partito accidentalmente dalla pistola di un compagno di camerata che la stava manovrando, al termine dell’annunciata cerimonia conclusiva del quinto corso straordinario di specializzazione “Antiterrorismo e pronto impiego” delle Fiamme Gialle.

Il proiettile che ha finito per attraversare il collo e la testa al 27enne campano.

Il personale medico di Orvieto accorso, appurata la gravità del caso e dopo una chiamata alla centrale del 118 di Perugia, ha ritenuto opportuno il trasporto  d’urgenza di Grauso, con l’elisoccorso “Icaro” all’ospedale “Santa Maria della Misericordia”, azienda ospedaliera di Perugia. E’ tuttora ricoverato nel reparto di rianimazione in condizioni estremamente critiche

L’incidente è avvenuto all’interno della Scuola addestramento di specializzazione della Guardia di finanza di Orvieto, struttura che da oltre 20 anni è ospitata presso la storica caserma “Monte Grappa”. L’Istituto, si legge nel sito della Gdf, è la struttura centrale nazionale del Corpo per l’alta formazione specialistica nei settori difesa e sicurezza e costituisce un vero polo d’eccellenza per le attività speciali, caratterizzate da più elevato profilo operativo, nonché per l’addestramento e la sperimentazione al tiro, lo studio di nuove armi e nuove tecniche di tiro e di difesa

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *