SEQUESTRO ARCO ADRIANO: ENNESIMO FALLIMENTO DELL’ AMMINISTRAZIONE MIRRA.

“Il sequestro dell’ Arco Adriano, meglio noto come Arco di Capua, sancisce un altro e di certo non ultimo fallimento di questa Amministrazione. Un’ Amministrazione che non riesce ad adempiere nemmeno alle sue responsabilità e alle sue competenze sulla gestione della cosa pubblica previste dalla normativa vigente. Basta pensare alle strade e ai marciapiedi dove, nell’ arco di questi anni di gestione, si sono verificati solo annunci di piogge di milioni di euro per poi finire a pochi spiccioli e qualche rattoppo per non intervenire sul rifacimento della reti idriche e fognarie sottostanti le strade stesse con la scusa che è una responsabilità che si perde negli annali. La questione Arco invece è la goccia che fa traboccare il vaso. Da biglietto di visita, insieme all’ Anfiteatro, della nostra città sta diventando il simbolo di degrado e abbandono nonché di non gestione ed incapacità politico – amministrativa della gestione Mirra. Questa amministrazione verrà ricordata per quello che è , ovvero, annunci e promesse mai mantenute. Sarebbe utile, forse anche l’ unica cosa sensata e per il bene della città, che Mirra and Co. si dimettano perché Santa Maria Capua Vetere e i sammaritani stessi non meritano brutte figure né in termini di immagine né in termini di Amministratori. Dimissioni subito oppure, se necessario, chiediamo che questa città venga commissariata per il bene di tutti fino alle prossime elezioni. Salviamo il salvabile adesso ed ora e che Dio ci aiuti.” Così dichiarato dal segretario cittadino M. S. Fiamma Tricolore Fabio Simeone