Sgambato scrive al Ministro dell’Istruzione Fedeli, situazione fuori controllo

Sgambato scrive al Ministro dell’Istruzione Fedeli, situazione fuori controllo La lettera integrale firmata dall’On. Camilla Sgambato (Pd) inviata al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e la Ricerca, Valeria Fedeli, sulla drammatica situazione che vivono gli istituti scolastici superiori a causa del dissesto finanziario che da due anni vive la Provincia di Caserta. Alla luce anche della recente decisione…

Sgambato scrive al Ministro dell’Istruzione Fedeli, situazione fuori controllo

La lettera integrale firmata dall’On. Camilla Sgambato (Pd) inviata al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e la Ricerca, Valeria Fedeli, sulla drammatica situazione che vivono gli istituti scolastici superiori a causa del dissesto finanziario che da due anni vive la Provincia di Caserta. Alla luce anche della recente decisione dell’Ente di interdire lo svolgimento di attività extrascolastiche negli istituti di propria competenza durante l’orario pomeridiano, la parlamentare casertana ha chiesto un intervento anche al titolare del Miur per risolvere i gravissimi problemi finanziari che mettono a serio rischio il diritto allo studio per decine di migliaia di ragazzi e ragazze casertane, oltre che precludere la strada alla riapertura degli istituti dal prossimo settembre – si legge nella nota -. “Ho scritto alla Ministra Fedeli per chiederle di aiutarci a risolvere il problema che stanno vivendo le scuole a causa della fase emergenziale che sta attraversando la Provincia di Caserta e che si ripercuote sugli oltre 56 mila studenti casertani, e sulle loro famiglie, che hanno diritto a terminare regolarmente l’anno scolastico in corso – si legge nella nota -. Caserta è l’unica provincia in dissesto e le somme che è obbligata a trasferire sono di gran lunga superiori a quelle che devono trasferire le altre province”, dichiara la deputata del Pd, rappresentante dell’area Orlando. “Esiste un problema serio di fondi. Stiamo ricevendo sollecitazioni da molti presidi preoccupati dalle conseguenze della circolare emanata negli scorsi giorni dall’Amministrazione Provinciale con cui si dispone il divieto di svolgere attività extradidattiche negli istituti superiori durante il pomeriggio – si legge nella nota -.  Aggiungo che i dirigenti non sono in grado di garantire la manutenzione anche ordinaria degli immobili oltre che le spese fisse per utenze e funzionamento. C’è il serio rischio di andare incontro ad un’interruzione dei pubblici servizi. Servono soluzioni per tutelare il diritto allo studio. So bene che non è propriamente competenza del Miur, ma comunque il problema va posto anche alla sua attenzione”, conclude Sgambato – si legge nella nota -. Qui di seguito, il testo integrale della missiva indirizzata alla Ministra Fedeli:

Cara Valeria, ti scrivo perché la situazione è fuori controllo e ho bisogno di capire che margini abbiamo per intervenire. La fase emergenziale che sta vivendo la Provincia di Caserta si ripercuote sugli oltre 56 mila studenti casertani, e sulle loro famiglie, che hanno diritto a terminare regolarmente l’anno scolastico in corso.  Caserta è l’unica provincia in dissesto da due anni e le somme che è obbligata a trasferire sono di gran lunga superiori a quelle che devono trasferire le altre province – si legge nella nota -. Esiste un problema serio di fondi. Stiamo ricevendo sollecitazioni da molti presidi preoccupati dalle conseguenze della circolare emanata negli scorsi giorni dall’Amministrazione Provinciale con cui si dispone il divieto di svolgere attività extradidattiche negli istituti superiori durante  il pomeriggio. Aggiungo che i dirigenti non sono più in grado di garantire la manutenzione anche ordinaria degli immobili oltre che le spese fisse per utenze e funzionamento. C’è il serio rischio di andare incontro ad un’interruzione dei pubblici servizi – si legge nella nota -. So bene non è competenza del tuo dicastero risolvere la questione, ma conosco la tua sensibilità e quindi ti chiedo di indicare possibili soluzioni per tutelare il diritto allo studio. Grazie per aver letto con la tua solita disponibilità.  Un abbraccio.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *