Viene alla luce a sole 23 settimane, vuole vivere grazie a Dio

Ellonn Smartt: 'La luce divina che lo vuole in vita'

Le sue acque di  Ellonn Smartt, 25 anni, mamma dell’Iowa, all’improvviso si sono rotte a sole 23 settimane di gravidanza, ha fatto tutto il possibile per mantenere la calma e proteggere il suo bambino.

“Sapevo che se mi fossi fatta prendere dal panico, il bambino avrebbe capito e si sarebbe stressato”, ha detto la Smartt,  non potevo permettere che ciò accadesse. E ho cominciato a pregare. I medici mi dicevano che un bambino di sole 23 settimane non aveva speranze di vivere. Ma non ho voluto arrendermi”.

La donna, insieme al marito e a suo figlio di 3 anni, Elia, hanno rivolto preghiere a Dio per tutto il tempo. Poi, il parto, portato a termine con successo:  Jaden Wesley Morrow pesava solo 300 grammi, ma era vivo. E stava bene.

“Ha lottato come un leone e sta ancora lottando – dice la madre – guidato dalla luce divina che lo vuole in vita“. Il bambino, nonostante sia molto piccolo e sia costretto a restare costantemente intubato e monitorato, sta bene.

Da qualche giorno muove autonomamente le mani e i piedi e sta iniziando a respirare da solo. La sua famiglia ha creato persino una pagina di crowdfunding per sostenere le spese mediche che, purtroppo, serviranno ancora per qualche tempo.

Un aggiornamento della campagna di crowdfunding, scritto come se fosse il piccolo nato dopo sole 23 settimane di gravidanza a parlare dice: “Sto già stupendo i medici! Li ho sentiti usare termini come “fantastico” e “notevole” per descrivermi finora. Non male per qualcuno che pesa molto meno di un chilo, eh?”.

Di seguito, un video del piccolo Jaden.