ARCO o NON ARCO …qual’è il problema?

Sembra ieri. Sono passati 2 anni …era il 2 settembre del 2015 in Casertavecchia, in via della Pineta, nello storico accesso al borgo medievale,  c’era un arco. Un arco storico di origine longobarda (che di longobardo nulla è rimasto per tutte le volte che ci sono ‘sbattuti’ contro. I massi originali si sono volatilizzati, facendo posto a…

Sembra ieri. Sono passati 2 anni …era il 2 settembre del 2015 in Casertavecchia, in via della Pineta, nello storico accesso al borgo medievale,  c’era un arco.

Un arco storico di origine longobarda (che di longobardo nulla è rimasto per tutte le volte che ci sono ‘sbattuti’ contro. I massi originali si sono volatilizzati, facendo posto a pietre nostrane di cui non è rimasto più nulla, i massi forse sono stati portati in località protetta…) cmq non ci interessa la dinamica di come varie volte dei mezzi Ecocar ci siano finiti incontro, abbattendolo, a noi cittadini, poco interessa della dinamica dei fatti. Noi non dimentichiamo e  ricordiamo che la ditta responsabile si assumeva responsabilità, inviava un comunicato e si diceva pronta a ripristinare lo stato dei luoghi, ma costatiamo che a tutt’oggi nulla è stato fatto . L’arco non c’è….Kest’è !!!

Al Soprintendente per l’Archeologia, le Belle Arti e il Paesaggio per le province di Caserta e Benevento, Salvatore Buonomo, all’amministrazione comunale tutta chiediamo : …qual’è il problema? 

Vogliamo ricordare che dal 1960 l’insediamento di Casertavecchia è stato inserito nella lista dei monumenti nazionali italiani ed è sottoposto a vincolo paesaggistico pertanto tutte le attività in esso svolte devono essere fatte con particolare accortezza e nel rispetto dei luoghi .
Non si può e non si dovrà autorizzare a svolgere attività che possono creare ingenti danni con  mezzi meccanici.

Tali mezzi riteniamo assolutamente inadatti alle esigenze del Borgo medievale di Casertavecchia che è da preservare.

È fondamentale ripristinare l’Arco, il decoro e l’ordine nel Borgo medievale, che deve essere uno dei punti di forza per lo sviluppo del turismo nella nostra città. Dobbiamo combattere il degrado e ridare dignità a quello che è uno dei borghi medievali più belli d’Italia, che deve diventare una delle principali risorse per la crescita culturale ed economica casertana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *