Armi in pugno, rapinato l’ Ufficio Postale di Brezza

CAPUA/GRAZZANISE. Hanno scelto il momento più opportuno per entrare in azione. Il venerdì è da sempre il giorno preferito dai rapinatori alla ricerca di bottini cospicui in casse e sportelli pieni per l’imminente weekend. Nel mirino è finito ancora una volta l’ufficio postale di Brezza, al confine tra Capua e Grazzanise, diventato tristemente famoso in…

CAPUA/GRAZZANISE. Hanno scelto il momento più opportuno per entrare in azione. Il
venerdì è da sempre il giorno preferito dai rapinatori alla ricerca di bottini cospicui in casse
e sportelli pieni per l’imminente weekend.

Nel mirino è finito ancora una volta l’ufficio postale di Brezza, al confine tra Capua e Grazzanise, diventato tristemente famoso in tutta la provincia per l’elevato numero di colpi ai suoi danni.
L’ultimo, prima di quello registrato oggi alle 13,30 era avvenuto appena l’aprile scorso e
fruttò ai rapinatori addirittura una 50mila euro.

Una somma che non si avvicina a quella di oggi, seppur il bottino resta ancora da quantificare.

Al lavoro ci sono i carabinieri della stazione di Grazzanise che sono arrivati in via Capua per effettuare i rilievi del caso e ricostruire la dinamica della rapina, scattata prima della chiusura per pranzo.

A chiamare le forze dell’ordine è stato il direttore dell’ufficio postale, presente al momento dell’irruzione dei malviventi.
Stando alla prima ricostruzione ad agire sono stati in due, coadiuvati probabilmente da un
complice. Avevano volto coperto e modi spicci. Hanno riferito di essere armati e con
accento campano hanno preteso che i dipendenti agli sportelli aprissero le casse per
consegnare il contante. Secondo le prime notizie raccolte i ‘malviventi’ faranno delle belle vacanze….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *