Buonarroti, la situazione è grave e va affrontata con risolutezza

CASERTA –  I politici locali alle prese con le imminenti elezioni provinciali, non possono dedicarsi alla scuola, e ai suoi ‘ problemi’, tanto il ‘problema’ c’è,  è lì, non scappa, ma la poltrona si,  se la perdi non è che la puoi recuperare come l’anno scolastico… Non vediamo luce, spiraglio, per gli studenti e le famiglie…

CASERTA –  I politici locali alle prese con le imminenti elezioni provinciali, non possono dedicarsi alla scuola, e ai suoi ‘ problemi’, tanto il ‘problema’ c’è,  è lì, non scappa, ma la poltrona si,  se la perdi non è che la puoi recuperare come l’anno scolastico…

Non vediamo luce, spiraglio, per gli studenti e le famiglie del Buonarroti, che è lasciata abbandonata al suo destino  che, sembra debba solo compiersi.

La situazione è grave e va affrontata con risolutezza. Non è tempo di dormire sugli allori come sinora si è fatto.

Urgono, invece, risoluzioni credibili, come quella di individuare in città od anche in località limitrofe, che meglio si prestano ed utilizzare per questo periodo di emergenza, attraverso le opportune e immediate intese, strutture didattiche esistenti e libere.

Comuni cittadini non la politica che ricordiamo dovrebbe essere al servizio del cittadino non viceversa, cerca soluzioni e avanza proposte come ad esempio la scuola di polizia, che non ha corsi in atto oppure la scuola aeronautica o il polo universitario.

E perchè non anche a Capua qualcuno azzarda, presso il centro di addetramento militare, per gli studenti di quell’area della provincia ? Si riconosca ai docenti che fanno la spola un’indennizzo. In tanti riflettono come per i migranti si cercano e si trovano sempre sistemazioni in tutta fretta, mentre qui, si è immobili.

Nel pomeriggio di ieri, dopo lo sciopero con  il blocco degli studenti e genitori in via Laviano con annessa diserzione dalle lezioni,   ieri sera, presso la chiesa del Buon Pastore, in Piazza Pitesti c’è stata una nuova assemblea di studenti, famiglie e docenti del Buonarroti, che hanno deciso la nascita del comitato spontaneo “BUONARROTI IN AGITAZIONE”. Presente anche la Preside De Lucia

Nel corso dell’incontro, più di qualcuno si è detto convinto che, tra gli istituti scolastici casertani, non sia solo il Buonarroti in condizione di inagibilità, ma che solo per esso si è scelta la via del rigore.

Noidiamo informazione, un’informazione libera, che fa bene a tutti, serve a tutti, anche ai liberi servi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *