Docenti universitari in sciopero, appelli di settembre sospesi anche all’università «Luigi Vanvitelli»

CASERTA – Appelli di settembre sospesi anche all’università «Luigi Vanvitelli», docenti universitari in sciopero. Non tutti i dipartimenti al momento si contano il numero delle adesioni. I docenti universitari ‘ i prof’ non sono tenuti ad annunciare la loro assenza e gli esaminati, potrebbero scoprirlo il giorno stesso dell’esame. Chi ha deciso di sottoscrivere l’appello…

CASERTA – Appelli di settembre sospesi anche all’università «Luigi Vanvitelli», docenti universitari in sciopero.

Non tutti i dipartimenti al momento si contano il numero delle adesioni.

I docenti universitari ‘ i prof’ non sono tenuti ad annunciare la loro assenza e gli esaminati, potrebbero scoprirlo il giorno stesso dell’esame.

Chi ha deciso di sottoscrivere l’appello del Movimento per la dignità della docenza universitaria lo ha fatto per protestare contro il mancato riconoscimento, da parte del governo, degli scatti di stipendio. Bloccati dal 2011. Ma non solo. «Non è una questione economico-finanziaria – spiegano – non abbiamo chiesto di recuperare le risorse perse. Qui è in gioco la nostra pensione oltre che la progressione delle carriere perché ci hanno sottratto cinque anni di anzianità ed è un dato inaccettabile soprattutto per chi ha iniziato a lavorare dopo i trent’anni». Nessun dialogo con il governo, nessuna considerazione, zero proposte accettate. È in un simile clima che è maturato lo sciopero degli esami. «Il modo in cui siamo stati trattati negli ultimi sei anni è assolutamente indegno – denunciano  i docenti universitari – non è vero che siamo una classe privilegiata.

Dal 2011 l’università viene utilizzata come tesoretto per far fronte ai buchi di bilancio.

Ogni volta che c’è da colmare un deficit, il governo taglia sul mondo accademico.

Basti pensare che solo il 50% dei docenti in pensione viene reintegrato».
Le ragioni della protesta non hanno però non convince tutti.

 

,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *