Newsletter

Resta aggiornato su tutte le ultime news, gli eventi e le attività di Caserta Kest'è

Emma Bonino: abbiamo bisogno di superare la Legge Bossi-Fini

Avatar Redazione
Home > Politica > Emma Bonino: abbiamo bisogno di superare la Legge Bossi-Fini
Emma Bonino: abbiamo bisogno di superare la Legge Bossi-Fini

Emma Bonino: abbiamo bisogno di superare la Legge Bossi-Fini. “Dopo gli accadimenti di piazza Pitesti a Caserta, l’incontro di stamane reso ancora più urgente per evitare facili strumentalizzazioni volte ad incitare alla violenza e a nascondere il desiderio di integrazione e di partecipazione alla vita comune di tanti immigrati. La legge Bossi – Fini” concludono “è stata incapace di governare il fenomeno migratorio ed ora gli esponenti delle stesse forze politiche che l’hanno approvata pretendono di imporre la loro visione semplificata della realtà.

Emma Bonino: abbiamo bisogno di superare la Legge Bossi-Fini

Emma Bonino: abbiamo bisogno di superare la Legge Bossi-Fini“Sono orgogliosa di come l’Italia salva le vite, sono stata io a volere insieme a Letta “Mare Nostrum”, ma non sappiamo affrontare veramente il problema integrazione. Eppure e’ necessario farlo: siamo un continente che diventa sempre piu’ vecchio con un declino demografico drammatico”. Lo ha detto Emma Bonino, parlando a Caserta.All’Italia – ha ricordato – servono 150mila persone all’anno per i prossimi 10 anni. Gia’ oggi gli immigrati rappresentano l’8% della popolazione che producono l’8% del Pil e pagano le pensione di 640 mila italiani facendo i lavori che non facciamo piu’. Se domani sparissero gli immigrati, sparirebbero 800mila badanti e tantissimi anziani resterebbero senza sostegno. Stesso discorso per i figli degli immigrati: senza di loro 68 mila insegnanti rimarrebbero senza lavoro”.

Emma Bonino: abbiamo bisogno di superare la Legge Bossi-Fini

Il Comune di Caserta e Radicali Italiani insieme hanno organizzato l’incontro dal titolo “Come vincere la sfida dell’immigrazione? Accoglienza, inclusione, lavoro: le riforme necessarie a partire dai Comuni e dal superamento della Bossi-Fini” presso l’aula magna dell’ex convento di Sant’Agostino sita a Caserta in via Mazzini n. 16.

Presenti con Emma Bonino il sindaco di Castel Volturno  Dimitri Russo, comune del litorale casertano dove si registra probabilmente la piu’ alta concentrazione di immigrati irregolari, la maggior parte dei quali, pero’, lavora senza contratto ed e’ spesso vittima dei caporali,  anche il sindaco di Caserta, Avv. Carlo Marino, Don Antonello Giannotti, direttore Caritas Caserta, Mimma D’Amico, SPRAR di Caserta, Csa Ex Canapificio Caserta, Savino Compagnone, SPRAR di Capua, Cittadini del Mondo, Mamadou Sy Pli Adama e Patience Evbonaye, Centro sociale ex Canapificio, ed i ragazzi del laboratorio teatrale Teatro Stabile di Innovazione della Città di Caserta – Fabbrica Wojtyla col regista Patrizio Ranieri Ciu.

Emma Bonino: abbiamo bisogno di superare la Legge Bossi-FiniLa Bonino:“Abbiamo bisogno di superare la Legge Bossi-Fini per regolarizzare i 500mila lavoratori in nero presenti in Italia, e inoltre il decreto flussi e’ inefficiente solo per 30mila persone. La politica non puo’ avere paura, deve dare risposte e soluzioni. Non abbiamo alternativa: combinare umanita’ e legalita’ e’ l’unica strada possibile”. Cosi’ Emma Bonino al convegno dei Radicali italiani “Come vincere la sfida dell’Immigrazione”, in cui si e’ discusso della proposta di legge popolare dei Radicali che prevede la regolarizzazione degli stranieri che sono in Italia da anni e lavorano in nero, l’introduzione di un permesso di soggiorno temporaneo (12 mesi) da rilasciare a lavoratori stranieri che sono stati selezionati da intermediari, sulla base delle richieste di figure professionali da parte di datori di lavoro italiani, per consentire loro di svolgere i colloqui, la reintroduzione del sistema dello “sponsor” a chiamata diretta. Entro Pasqua dovrebbe iniziare la raccolta di firme – ne servono 50mila in sei mesi – per la quale hanno annunciato il proprio impegno anche esponenti del Pd presenti oggi, come la deputata Camilla Sgambato, che ha annunciato che per la raccolta “saranno usate le sezioni del Pd”.

Avatar Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *