Kestè: La sicurezza sul lavoro non è un optional.

Guerriero: Predicano bene , razzolano peggio ! Immigrato con motosega con ausilio di autocestello, senza sistema di protezione idoneo, in Piazza Aldo Moro.

Il post  sulla pagina fb del presidente di Caserta Kest’è:  “Restiamo Umani, salviamo le vite, siamo tutti fratelli….a chiacchiere siete bravi ma a fatti (oltre le canne) ? In questa foto cari SINISTRONZI ASOCIALI, rivedo UNO dei tanti fratelli ‘scampati’ semmai da una guerra, da una persecuzione, da maltrattamenti…da scafisti mercenari e ong senza scrupoli ….in procedura di potatura con ausilio di autocestello senza alcun ausilio per la tutela della SUA sucurezza (casco, guanti,occhiali, tuta, pettorina, scarpe antinfortunistica etc.ASSENTI) e quella di terzi. Il tutto, senza neppur ottemperare a quelle regole basilari del cantiere temporaneo, che in queste circostanze si avvale di cartelli , coni delimitatori o nastri nelle aree interessate alle operazioni…Kest’è”

Kestè: La sicurezza sul lavoro non è un optional.  Kestè: La sicurezza sul lavoro non è un optional.

Al Sindaco e al Responsabile dell’Ufficio LL.PP.  è  contestato di aver omesso di far installare idonei Dispositivi di Protezione Collettiva o in alternativa idonei DPI per prevenire il rischio di caduta dall’alto .

Nel Testo Unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (D.Lgs. 81/2008) con lavoro in quota si intende, come più volte ricordato dal nostro giornale, l’attività lavorativa che espone un lavoratore ad un rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile. E nei lavori in quota (art. 115, D.Lgs. 81/2008) laddove non siano state attuate misure di protezione collettiva è necessario che i lavoratori utilizzino sistemi di protezione idonei per l’uso specifico composti da diversi elementi, non necessariamente presenti contemporaneamente, conformi alle norme tecniche.

 

  1.  è necessario che i lavoratori utilizzino idonei sistemi di protezione idonei per l’uso specifico composti da diversi elementi, non necessariamente presenti contemporaneamente, conformi alle norme tecniche, quali i seguenti:
  2. a) assorbitori di energia;
  3. b) connettori;
  4. c) dispositivo di ancoraggio;
  5. d) cordini;
  6. e) dispositivi retrattili;
  7. f) guide o linee vita flessibili;
  8. g) guide o linee vita rigide;
  9. h) imbracature.
  10. Il sistema di protezione deve essere assicurato, direttamente o mediante connettore lungo una guida o linea vita, a parti stabili delle opere fisse o provvisionali.

Il Testo Unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro ha inoltre dedicato ampio spazio alla tutela dei lavoratori immigrati, poiché dai dati registrati negli ultimi anni si è constatato che soprattutto a causa delle differenze linguistiche, i lavoratori stranieri sono stati più soggetti ad incidenti .

Per questo motivo è stato necessario rendere ancor più chiare e comprensibili le informazioni e le conoscenze che questi lavoratori devono apprendere durante le fasi formative, in più le aziende devono dotarsi di istruzioni e segnaletica di sicurezza di facile consultazione e devono sottoporre agli immigrati, prima dell’impiego, delle verifiche della lingua italiana.