L’ex sede della Provincia riapre con il Provveditorato

Provincia-Provveditorato, ci siamo per la rinascita di corso Trieste

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha dato il via libera a un nuovo finanziamento di ben 4milioni di euro per avviare i lavori di recupero del Palazzo della Provincia a Corso Trieste.

Ad annunciarlo è il presidente della Provincia Giorgio Magliocca.
”Quando sarà completato l’intervento di adeguamento e ammodernamento, nel cuore della città di Caserta saranno traslocati gli uffici provinciali e quelli del Provveditorato agli Studi, in questo modo, aiuteremo la rinascita del “Corso” e ridaremo slancio alle tante attività commerciali che in questi anni hanno sofferto, per ragioni diverse, una drastica riduzione delle presenze.”

Interpellato, Ciro Guerriero, presidente di Caserta Kest’è, dichiara: “ Sono soddisfatto della notizia appresa, sopratutto perché da qualche tempo chiedo ai nostri amministratori di valorizzare il Palazzo della Provincia, in modo che non resti abbandonato come tanti altri edifici pubblici. Anche nella qualità di rappresentante  di alcuni esercenti  del centro storico di Caserta, mi auguro che questo sia l’inizio di un miglioramento anche per il commercio, perché nonostante l’amministrazione comunale si è dimenticata di loro, io insieme ai negozianti, non ci arrenderemo. Fiduciosi che avremmo quanto prima una risposta dal Prefetto, abbiamo già in programma alcune iniziative per dimostrare il nostro dissenso contro questa Ztl.

Con il riutilizzo del palazzo della Provincia rimarca Guerriero , speriamo che anche altre aziende possano investire in progetti e idee che hanno nel cassetto, tirarli fuori e fare da traino per altri. Possiamo sperare in qualche marchio che venga a investire. In queste condizioni, però, non sarà facile. Per questo, serve una forza politica di rappresentanza di tutto il territorio, che purtroppo non abbiamo mai avuto, che riesca a portare qui quello che altri sono già riusciti a ottenere. Quindi, anche a nome dei commercianti, ringraziamo il presidente Magliocca, con l’augurio che anche altri amministratori seguano le sue orme affinché la nostra città ritorni nel suo antico splendore”, conclude Guerriero.