Lutto nel mondo dello spettacolo: è morto NONNO LIBERO!

Questo è quello che riportano dei siti tra cui timenews24h.it …. “Siate buoni, vivete nel rispetto degli altri , aiutate chi ha bisogno, io ho vissuto con questa consapevolezza e la vita mi ha sorriso, andremo tutti via e non porteremo nulla con noi, se non l’amore di chi ci ha voluto bene” Il resto della…

Questo è quello che riportano dei siti tra cui timenews24h.it ….

“Siate buoni, vivete nel rispetto degli altri , aiutate chi ha bisogno, io ho vissuto con
questa consapevolezza e la vita mi ha sorriso, andremo tutti via e non porteremo nulla
con noi, se non l’amore di chi ci ha voluto bene”

Il resto della lettera è per la moglie ed i figli, per i quali ha sacrificato tutto se stesso senza
risparmiarsi, dice la moglie, era l’uomo che interpretava nei suoi film.
Si è spento oggi intorno le 16:00 il grande attore Lino Banfi, dopo una lunga malattia.
Numerosissimi i messaggi di cordoglio, dal mondo dello spettacolo a quello della politica, oltre
che numerosissimi attestati di stima da parte della gente comune .
Chi era Lino Banfi:
Lino Banfi, pseudonimo di Pasquale Zagaria (nato ad Andria, il 9 luglio 1936), attore, comico,personaggio televisivo, scrittore e sceneggiatore italiano.
Durante la sua lunga carriera ha mostrato una buona versatilità di attore, recitando in ruoli sia comici sia drammatici, e ha lavorato con alcuni dei più noti registi del cinema italiano, comeLuciano Salce, Fernando Di Leo, Nanny Loy, Steno e Dino Risi.
Lino Banfi, insieme con Lando Buzzanca, Renzo Montagnani, Mario Carotenuto, Carlo Giuffré,Gianfranco D’Angelo, Aldo Maccione, Alvaro Vitali e Renato Pozzetto, fu uno degli attori più rappresentativi della commedia sexy degli anni settanta e della prima metà degli anni ottanta.
Raggiunse il picco della sua popolarità con pellicole che lo videro protagonista (o coprotagonista) come Cornetti alla crema, L’allenatore nel pallone, Vieni avanti cretino, Fracchia la
belva umana, Il commissario Lo Gatto e Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio, popolarità cheha trovato nuova linfa con la fortunata interpretazione di nonno Libero nella serie Un medico in famiglia e con altre fiction di successo, che lo hanno portato al ritorno sul grande schermo nel 2008

Lino Banfi morto? Macché. La voce stava girando in fretta, con il consueto tam-tam di messaggi sconsolati su Facebook e i social network: “Lutto nel mondo del cinema e della televisione, scompare all’età di 73 anni il comico pugliese stroncato da un infarto nella sua casa romana”.

‘E’ una burla della rete’

Raghezzi, qualcuno ha scritto ieri notte su Internet che sono morto, mentre sono vivo e vegeto e mi gratto. Queste cose portano fortuna…”. Una reazione ironica e in linea col personaggio, confermata anche davanti ai giornalisti dell’ANSA: “Quasi quasi mi gioco i numeri al lotto. Se è vero che queste bufale allungano la vita allora c’è speranza: mi ero prefisso di vivere fino a 84, 85 anni, ora ne ho un po’ di più davanti”.

Potenza della Rete, forse alla ricerca di un nuovo “personaggio pubblico” da piangere dopo i grandi lutti dello scorso anno (come Michael Jackson e Mike Bongiorno). Uno scherzo fatto forse con leggerezza, visto che in breve tempo ha attraversato l’intera penisola, come ha chiosato (beffardamente) Banfi: “La cosa stupenda è stata mio fratello dalla Puglia che l’ha presa alla lontana: sai Lino ho fatto un sogno… tutta Canosa piangeva per te”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *