Mondragone, arriva Salvini e i sinistri comunisti si preparano.

Mondragone – Quanto successo a Mondragone  è il prodotto delle sorti dettate da questo sistema, i poveri sono un effetto collaterale e vengono così ghettizzati in aree geografiche periferiche (sud Italia) in quartieri ghetto.

Quello che conta è che questi poveri si scannino tra di loro, così che si possa dare la colpa allo straniero che non rispetta le regole e non a chi si ingrassa facendoli lavorare a pochi euro l’ora”. “Salvini non ti vogliamo – rimarcano – e faremo di tutto per renderti la visita quanto più sgradevole possibile, in barba all’accoglienza che da sempre contraddistingue le nostre terre. Mondragone non si lega: non si lega alla malavita, agli agitatori e – concludono i movimenti – non si lega agli sciacalli”.

Ecco cosa troverà  il leader della lega oggi alle 18 a Mondragone, i soliti contestatori.

Il leader della LEGA, Matteo Salvini sarà accompagnato dal consigliere Regionale appena entrato in Lega Gianpiero Zinzi.

Dopo la visita a Mondragone il leader del Carroccio si recherà a Santa Maria Capua Vetere dove terrà anche una cena con gli amministratori locali del partito. Domani sarà invece a Castel Volturno.