Notte Bianca e Sardine Casertane, si rischia di creare problemi di ordine pubblico

CASERTA / Il movimento delle sardine casertane hanno deciso di scendere in piazza a Caserta nella giornata di sabato 7 dicembre in concomitanza della manifestazione con la notte bianca.

Il flash mob anti-Salvini, inizialmente previsto in piazza Correra (lungo via Vico) si poi spostato in piazza Ruggiero (sotto la Casa Comunale), ha subito un’ulteriore modifica e come riportato dai promotori si terrà in piazza Gramsci, davanti ai Giardini della Flora.

Molti cittadini  si sono infastiditi e non condividono la furbata. C’è infatti chi pensa che le sardine casertane vogliano approfittare dell’occasione, che come ogni anno vedrà migliaia di gente passeggiare per le vie del Capoluogo, e al contempo dimostrare, per propri scopi politici, di avere una piazza piena di cittadini.

La contemporaneità delle due manifestazioni delle sardine casertane e della Notte Bianca a Caserta rischia di creare problemi di ordine pubblico.

Fratelli d Italia  sembra, sbirciando sui social  avrebbe intenzione, con alcuni movimenti  civici  scendere in strada con il tricolore.

Intanto, in una nota inviata in queste ore al questore di Caserta Antonio Borrelli ed al prefetto Raffaele Ruberto i due consiglieri comunali del Capoluogo Riccardo Ventre Roberto Desiderio che mettono in evidenza la possibilità che lo svolgimento delle due manifestazioni in orari concomitanti (la Notte Bianca inizia alle 17, la manifestazione contro Salvini alle 19) potrebbe creare non pochi problemi in città.
“E’ di tutta evidenza – scrivono Ventre e Desiderio nella missiva che è stata indirizzata anche al sindaco di Caserta Carlo Marino – che nonostante il piccolo intervallo orario tra le due cose, le manifestazioni di piazza, specialmente se non organizzate da associazioni riconosciute o altro, si protraggono oltre l’orario consentivo e secondo un programma non ben determinato. Siamo molto preoccupati delle possibili, diremmo probabili, conflittualità ed anche disordini che possano scaturire da siffatta situazione. Le autorità in indirizzo, che certamente vorranno porsi il problema evidenziato, sono pregate di valutare ogni possibile rimedio idoneo a scongiurare che Caserta, ancora una volta, assurga negativamente ad oggetto di cronaca nazionale”.