Operaio dell’aversano rapina banca durante la pausa pranzo: arrestato insieme al complice

Il complice del giovane bandito catturato poco dopo il colpo all'Unicredit nella centralissima via Rizzoli a Bologna. Residente in provincia di Modena, si è presentato ai carabineri di Casal di Principe, suo paese d'origine

Sono stati entrambi arrestati i presunti autori della rapina compiuta verso le 13 di ieri all’agenzia Unicredit di via Rizzoli, a ridosso delle Due Torri di Bologna. Dopo Michele Simonetti, il 25enne bloccato dagli agenti del 113 pochi minuti dopo il ‘colpò, anche il complice Giuseppe Puocci, 29 anni, è finito in carcere, raggiunto da un provvedimento di fermo emesso dal Pm Manuela Cavallo.

Braccato dagli investigatori della squadra Mobile di Bologna, che lo avevano già identificato andando a cercarlo anche nell’abitazione della provincia di Modena dove risiede, il 29enne si è costituito durante la notte ai carabinieri di Casal di Principe, paese campano di cui è originario. I due rapinatori, entrambi del Casertano, sono stati immortalati dalla videosorveglianza della banca e avrebbero poi ammesso di fronte alla Polizia di avere fatto la rapina.

Tutti e due lavoravano come operai nello stesso cantiere edile di via Dè Musei, a poche centinaia di metri dalla banca. Colleghi e datori di lavoro dei due fermati, sentiti dagli investigatori, erano completamente all’oscuro delle attività criminose della coppia.