Per carità ancora mazzate vicino Piazza Pitesti

Per carità ancora mazzate vicino Piazza Pitesti. Questa mattina, poco dopo le 9.30, due NUOVI ITALIANI -EROBU Sylvester e LIBATI Ocoro, di origini nigeriane – rispettivamente classe ’87 e ’90 e residenti nel beneventano, (quindi con permesso di soggiorno hanno cercato d’integrarsi l’un l’altro) se le son date di santa ragione, dando luogo ad una vera…

Per carità ancora mazzate vicino Piazza Pitesti. Questa mattina, poco dopo le 9.30, due NUOVI ITALIANI -EROBU Sylvester e LIBATI Ocoro, di origini nigeriane – rispettivamente classe ’87 e ’90 e residenti nel beneventano, (quindi con permesso di soggiorno hanno cercato d’integrarsi l’un l’altro) se le son date di santa ragione, dando luogo ad una vera e propria rissa. Il litigio è iniziato all’esterno della chiesa Buon Pastore ed è proseguito tra le siepi dell’isola spartitraffico che separa la piazza dal rione Cappiello. Sono volati pugni, calci ed anche bastonate. Uno dei due contendenti, infatti, ha adoperato come oramai d’uso un ramo di ABETE per picchiare l’avversario procurandogli una profonda ferita al sopracciglio. (nella foto l’uomo a terra )Per carità ancora mazzate vicino Piazza PitestiTutto davanti gli occhi impietriti di numerose persone. Sul posto è intervenuta la polizia che ha bloccato i due. Uno, dopo una breve fuga verso via Picazio, è stato fermato e condotto in Questura, gli è stato sequestrato il ramo usato per il pestaggio. In ospedale il ragazzo che ha avuto la peggio. Da capire i motivi alla base della lite, sembra  legata alla postazione che riteneva di diritto uno dei due contendenti, per le elemosina.

Per carità ancora mazzate vicino Piazza Pitesti

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *