Rapina a portavalori in Provincia di Napoli,Giuseppe Alviti: continua la mattanza sociale delle guardie giurate

Tre rapinatori armati di pistole e kalashnikov hanno assaltato un furgone portavalori che oggi, 8 settembre, si trovava nei pressi del centro commerciale Auchan di Giugliano, in provincia di Napoli. Il colpo è avvenuto in mattinata, i criminali sono riusciti a portare via solo l’ultimo plico, quello appena ritirato dal Decathlon; nel bottino circa 14mila euro e le pistole dei due vigilanti addetti al prelievo degli incassi. Le indagini sono affidate alla Squadra Mobile della Questura di Napoli.

La rapina è avvenuta intorno alle 12, quando il portavalori stava concludendo il giro tra i negozi del centro commerciale. Aveva già effettuato i prelievi da gran parte delle attività, trasportava verosimilmente diverse centinaia di migliaia di euro. I criminali sono entrati in azione mentre il vigilante stava tornando verso il furgone; erano in tre, a volto coperto, probabilmente almeno un quarto componente del gruppo era appostato poco distante per la fuga. Gli hanno sbarrato la strada e lo hanno minacciato con le armi, costringendolo a consegnare il denaro.

Una rapina studiata nei particolari, tranne per un dettaglio: alla vista dei criminali la guardia giurata che attendeva il collega accanto al mezzo ha chiuso il portellone, non più accessibile dall’esterno. Così i criminali hanno dovuto “accontentarsi” del plico che l’altro vigilante aveva appena ritirato: sono scappati a bordo di un’automobile con i 14mila euro e le due pistole dei vigilanti. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato di Giugliano.

Duro il commento del leader storico della associazione nazionale guardie particolari giurate Giuseppe Alviti già Medaglia d’argento al valore civile: “continua la mattanza sociale delle guardie giurate che operano nel settore appartenente ai trasporti valori purtroppo lo Stato è latitante e per tipi di lavoro del genere ci vuole un controllo del personale più appropriato oltre che ad regole d’ ingaggio serie e valevoli come auto di scorta in borghese che prevedano e seguano il convoglio con i soldi, quando si tratta di sicurezza non si può risparmiare e anche questa volta siamo fortunati che non sia scappato il morto e conclude siamo da subito pronti ad una marcia su Roma di tutto il settore e sensibilizzerò anche la triplice attualmente assente in questa problematica.”