SALVINI è consenziente, è il ministro della malavita?

Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini arriva ad Afragola, dove nel giro di tre settimane la camorra ha fatto esplodere sette ordigni esplosivi e Roberto Saviano, sui social, non ha perso l’occasione di dire ciò che pensa al riguardo : “La sua solita e inutile passerella, magari in divisa”, scrive l’autore di Gomorra in un lungo…

Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini arriva ad Afragola, dove nel giro di tre settimane la camorra ha fatto esplodere sette ordigni esplosivi e Roberto Saviano, sui social, non ha perso l’occasione di dire ciò che pensa al riguardo : “La sua solita e inutile passerella, magari in divisa”, scrive l’autore di Gomorra in un lungo post nel quale etichetta ancora una volta il responsabile del Viminale come “il Ministro della Mala Vita”: Frase , per la quale, il leader leghista ha sporto querela per diffamazione nei confronti dello scrittore considerandola una “gratuita aggressione” alla sua persona. Ma lo scontro a distanza non sembra destinato a placarsi.

“Salvini ad Afragola racconterà bugie – continua Roberto Saviano – e chi conosce la storia politica del sud Italia questo lo sa perfettamente. Chi non la conosce, e si fa imbambolare dalla propaganda anti immigrati, sappia che il referente politico di Salvini ad Afragola è oggi Pina Castiello, incredibilmente Sottosegretario con delega al Sud; questo la dice lunga sulla sudditanza politica del M5S a Salvini e sulla totale inconsapevolezza di Di Maio e Fico che, almeno il loro territorio, dovrebbero conoscerlo”.

Saviano individua  come “padrini politici” della sottosegretaria Castiello “Nicola Cosentino, poi Roberto Conte, condannato – si legge nel post – per associazione mafiosa, espulso dal centrosinistra e accolto nel centrodestra”, e come suo “alleato l’ex senatore Vincenzo Nespoli, più volte indagato dalla Procura napoletana, condannato in primo e secondo grado per bancarotta fraudolenta e per voto di scambio su cui è intervenuta la prescrizione. Nespoli è uomo di Cosentino e di Cesaro, e Salvini – che vanta una lunga storia di odio e razzismo verso il Sud – ha raccolto le sue clientele politiche”. Secondo Saviano,  “Afragola è la prova lampante di come Salvini sia l’erede e, quel che è peggio, il garante della peggiore politica che ha regnato e spadroneggiato, insieme ai clan di camorra, al Sud negli ultimi decenni.

https://www.facebook.com/fanpage.it/videos/545415082626542/

 

Sarebbe questo l’impegno anticamorra.”

 

Sul profilo ufficiale Facebook, anche il Presidente di Caserta Kest’è, dott. Ciro Guerriero, che come sappiamo si è attivato diurnamente durante la campagna elettorale del 4 marzo 2018 , per far primeggiare la Lega a Caserta ed in provincia, nonostante il forte contrasto evidente nel meridione,  ha dichiarato: “IL SOTTOSCRITTO CON I SUOI  NON SI SAREBBE MAI ‘PROSTRATO’; E in QUALITA’ DI LEADER, E’ STATO CONSIDERATO ‘PERICOLOSO’ AL PROGETTO CAMPANO…FACEVANO E FANNO AL CASO LORO SOLO INQUISITI , CAMORRISTI ,MAFIOSI, RICICLATI e CAPE ì LIGNAMM…FIERO DI ESSERE CIO’ CHE SONO…IL TRADITO potrà anche essere un ingenuo, ma i TRADITORI rimarranno sempre INFAMI !”  Come  ricordiamo , Guerriero ha preso le dovute distanze da questa LEGA , anche nel rispetto della grossa mole di lavoro che, insieme ai suoi componenti di Caserta Kest’è , ha svolto sul territorio casertano durante una campagna elettorale faticosa anche se soddisfacente sotto l’ aspetto dei consensi ottenuti.  Lo stesso lotta per il cambiamento ma, anche per la meritocrazia, non ammettendo scelte inopinate e/o di comodo,  contro le quali ha promesso di dare battaglia, come ha sempre fatto.

,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *