Scagionato il ragazzo a torso nudo, voleva calmare la folla. La ragione del terrore resta ignota

Scagionato il ragazzo a torso nudo, voleva calmare la folla. La ragione del terrore resta ignota. Si erano analizzato i vari  video postati su You Tube abbiamo cercato di capire, di interpretare, solo per dare una risposta per gli oltre 1.500 feriti in piazza San Carlo a Torino. Sono davvero colpa di questo ragazzo ‘brillo’ e due suoi…

Scagionato il ragazzo a torso nudo, voleva calmare la folla. La ragione del terrore resta ignota.

Si erano analizzato i vari  video postati su You Tube abbiamo cercato di capire, di interpretare, solo per dare una risposta per gli oltre 1.500 feriti in piazza San Carlo a Torino. Sono davvero colpa di questo ragazzo ‘brillo’ e due suoi amici?

Sembra non sia così. Il caos nella piazza dove era allestito il maxi-schermo per la finale di Champions League tra Juventus e Torino sarebbe iniziato quando un ragazzo a torso nudo e con uno zainetto a tracolla (nella foto sotto) all’improvviso alza le braccia, per poi restare fermo immobile, con le braccia aperte, in una posizione che evoca quella di un kamikaze.

Attorno a lui e a due suoi amici dunque si crea il vuoto, la folla inizia a fuggire, innescando il panico che ha portato al numero pazzesco di 1.527 feriti. Secondo gli investigatori, il ragazzo e i suoi amici potrebbero sapere con precisione che cosa ha scatenato il finimondo: la polizia di Torino li ha identificati, e sono stati portati in procura. Fino al loro gesto, infatti, la piazza era calma e rassegnata dopo il terzo gol del Real Madrid. I ragazzi ricercati si trovavano all’altezza del ristorante Caval ‘d Brons, ad almeno sessanta metri di distanza dal maxi-schermo.

Voleva tranquillizzare la folla il giovane a torso nudo, lo zainetto sulle spalle, ascoltato dagli investigatori, e poi completamente scagionato, per i fatti di piazza Castello. Il goffo tentativo ripreso dalle telecamere aveva fatto pensare potesse essere stato lui a scatenare il panico. La visione integrale del filmato da parte degli inquirenti e l’interrogatorio, hanno appurato ben altra realtà. Il giovane, sempre secondo quanto si apprende da fonti investigative, era ubriaco e si vede piangere nel video abbracciato a un paio di amici.

Procura, inchiesta per lesioni plurime – E’ stato aperto per lesioni plurime “anche gravissime” un procedimento penale, in procura a Torino, su quanto avvenuto sabato sera in piazza San Carlo. L’iniziativa fa seguito a una informativa della Digos. Il fascicolo resta a carico di ignoti.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *