Al Cimitero di Caserta altro che RIP…

CASERTA – Il dirigente scrive “proventi condominiali cimitero principale”. Tutti i proprietari o concessionari di loculi e cappelle gentilizie, al Cimitero di Caserta,sono tenuti al pagamento. E se non effettui il pagamento tramite bonifico? Si frattano i defununti? I parenti pur di onorare il riposo eterno dei defunti, per evitare lo ‘sfratto’ dei loro cari …

CASERTA – Il dirigente scrive “proventi condominiali cimitero principale”.

Tutti i proprietari o concessionari di loculi e cappelle gentilizie, al Cimitero di Caserta,sono tenuti al pagamento.

E se non effettui il pagamento tramite bonifico? Si frattano i defununti?

I parenti pur di onorare il riposo eterno dei defunti, per evitare lo ‘sfratto’ dei loro cari  pagheranno.

Ma la manutenzione del Cimitero? Vogliamo parlarne?

Nel periodo di dicembre circa 90mila euro sono andate ad una delle due ditte stakanoviste dei servizi cimiteriali: la Franco Galileo. L’altra impresa, vale la pena di ricordarlo, è la Votiva Flamma, approdata da Napoli a Caserta che tira avanti di proroga in proroga con dirigenti compiacenti che autorizzano strafottendosene delle leggi di questa Repubblica…delle banane.  Caserta è di dominio pubblico, è uno stato a parte…accade di tutto e di più…Kest’è!!!
Il problema della Franco Galileo Costruzioni sarà poi risolto dal Tar visto che la ditta ‘Eredi Cirillo’ di Napoli ha presentato un ricorso per ottenere una revisione delle procedure della mini gara d’appalto convocata dal dirigente Biondi, da cui la Cirillo, era stata esclusa.

Il Tar ha accolto anche l’istanza cautelare presentata dall’impresa di Napoli e, ad oggi, il dirigente Biondi non ha potuto concludere l’iter e, per la firma del contratto, si dovrà attendere la decisione finale dei giudici.
Come se non bastasse, numerose segnalazioni, hanno dimostrato che i proprietari di una cappella privata che intenzionate ad operare interventi di manutenzione, non possono rivolgersi a muratori di fiducia ma, stando a quanto comunicato dai preposti cimiteriali devono necessariamente  rivolgersi sempre e soltanto alla ditta che opera, per volontà di Biondi, nel complesso.

Non sappiamo se questa sia una decisione legittima oppure no ma pare una vera e propria distorsione dei principi di libera scelta su cosa farne di una proprietà,  tutto sommato, privata e non comunale.
Questi gli ‘scompensi’ cimiteriali casertani. Poi dice che viene la voglia di una rapida cremazione: tutto pur di liberarsi almeno dopo morte, dei dirigenti del Comune di Caserta.

,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *