Il ‘segno di pace’ senza stretta di mano

Il gesto sospeso per evitare contagi: fedeli spiazzati. Il Vangelo non lo prevede. E produce scene grottesche

CASERTA – Mentre nelle chiese della Lombardia sono state sospese anche le messe domenicali, in alcune strutture religiose di Caserta e provincia i parroci hanno chiesto ai fedeli che tra sabato e domenica hanno partecipato alle funzioni pubbliche di evitare di stringere la mano alle persone che gli stavano vicine durante lo ‘scambio del segno di pace’.

Nulla di preoccupante, visto che nel casertano non ci sono casi di contagio, ma comunque il sintomo di una psicosi che sta tenendo in allerta tutta la popolazione.

Quindi da oggi lunedi , e per tutto il tempo che occorre, niente più segno della pace, c’è l’influenza ed è più saggio non toccarsi.

Sì, una volta contro le epidemie si indicevano, al contrario, funzioni affollate e processioni.

Ma Pasteur non era ancora nato e nulla si sapeva di microbi, batteri e virus.

Ora, però, si sa, ed è buona norma evitare i luoghi affollati. Certo, la messa domenicale è d’obbligo, ma almeno sediamoci distanziati.