Sorà (LEGA): Servono politiche severe e strategie concrete

CASERTA – La Lega per Salvini Premier interviene sul tema della sicurezza con Giuliana Sorà, che evidenzia i problemi di ordine pubblico crescenti in Italia e nella nostra provincia, lanciando l’allarme. “Istituzioni e forze dell’ordine devono trovare un’intesa e creare sinergie con i privati. Il lavoro sulla sicurezza deve andare oltre l’azione di controllo delle…

CASERTA – La Lega per Salvini Premier interviene sul tema della sicurezza con Giuliana Sorà, che evidenzia i problemi di ordine pubblico crescenti in Italia e nella nostra provincia, lanciando l’allarme.

“Istituzioni e forze dell’ordine devono trovare un’intesa e creare sinergie con i privati. Il lavoro sulla sicurezza deve andare oltre l’azione di controllo delle forze dell’ordine – afferma l’esponente della Lega  candidata al Senato – Queste le priorità: de-escalation dei conflitti in corso, lotta alla radicalizzazione e all’estremismo violento in chiave antiterrorismo, ristabilire fiducia tra cittadini e istituzioni democratiche. Non possiamo nascondere che il fenomeno della tratta degli esseri umani, in particolare modo delle donne, sia strettamente connesso all’immigrazione clandestina. Di fronte alla mortificazione della femminilità, alla mercificazione della persona e alla disumanizzazione delle vittime –continua la Sorà – servono politiche severe e strategie concrete. Altrimenti si fanno solo chiacchiere. Peccato, in questo senso, che il recente G7 sulle Pari Opportunità tenuto nei giorni scorsi a Taormina non sia andato oltre l’ennesima dichiarazione di intenti: nessun finanziamento. Senza fondi è realmente complicato mettere in atto azioni politiche fattive. Ecco perché sarebbe auspicabile una sinergia con i privati”.

La candidata al Senato pone anche l’accento sulla certezza della pena. “Oggi in Italia coloro che delinquono, dopo essere stati identificati, si scopre purtroppo che avevano compiuto altri reati ed erano stati oggetto di provvedimenti. Questo dato dimostra che in tutta l’Italia ci sono luoghi con reali problemi di sicurezza, dove strade e quartieri anche di grande richiamo turistico sono ostaggio di persone che possono  commettere violenze gravissime restando impuniti. Dunque, l’esistenza di un problema reale di sicurezza deriva dall’ingresso e dalla permanenza nel nostro Paese di troppe persone che arrivano o decidono di restare proprio perché sanno di restare i impunite, sapendo che l’irregolarità in Italia ad oggi consente di vivere spesso di più e meglio che in altri Paesi”.

Ciro Guerriero con  Matteo Salvini premier rilancia la legittima difesa e spiega di non avere dubbi su cosa fare qualora un ladro entri in casa sua di notte con i figli che dormono. “Chi entra in casa mia in piedi deve sapere che ne può uscire disteso.  Il primo a parlarne fu Sant’Agostino di legittima difesa: difendere sé stessi e i propri cari è un diritto sacro e chi dice che è demagogia dovrebbe tornare coi piedi per terra”.

Sulla legittima difesa aggiunge: “La difesa, è sempre legittima. Cambieremo la legge”. D’accordo anche gli alleati, da FdI a Forza Italia: “In questo momento in Italia c’è un fortissimo senso di insicurezza che non viene capito e non viene descritto ma di cui la politica deve farsi carico ed è quello che noi intendiamo fare”, ha assicurato il segretario cittadino Mario Iodice. “Quella sulla legittima difesa crediamo sia una legge da migliorare perchè cosi’ come è stata licenziata non è in grado di garantire un diritto per noi fondamentale e che va riconosciuto ai cittadini”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *