Vita da cane: piscine, palestre, hotel, ludoteche e yoga

Negli Stati Uniti lo yoga canino fa tendenza, vedremo qui come sarà.

CASERTA – Soffre di artrite? Ha mal di schiena? Nessun problema: il cane  ha a disposizione  massaggi personalizzati ,ozonoterapia e, se può giovare, anche un buon idromassaggio.

Gli piace l’acqua? Ha piscine dedicate. Per la forma, da scomporre in salute e bellezza, ci sono maschere per il… muso, ginnastiche e palestre. Diete personalizzate? Sono la normalità. Asili, ludoteche, hotel, mezze pensioni, trasporti… Le vite dei cani sono sempre più «umane», a prescindere dal fatto ovvio che il conto va al padrone.

All’incrocio tra desideri e bisogni, in anni recenti (anche) il Veneto ha sviluppato una galassia di servizi per l’amico a quattro zampe che sembra «lavorare» perché assomigli sempre più a chi regge l’altro capo del guinzaglio. Mondo cane, allora, con qualche storia. «Da metà marzo – dice Antonino Gerace  – partiranno vere e proprie sedute di yoga coi cani».

Il doga è la novità in «zampa» di lancio: «É una sorta di patto di partecipazione tra l’uomo e il suo migliore amico – spiega Gerace – ideato da Suzy Teitelman in una palestra newyorkese».

Negli Stati Uniti lo yoga canino fa tendenza, vedremo qui come sarà.

A Caserta le lezioni dureranno un’ora, spesa 25 euro. Per chi ama meditare trova il mindfulness.

Ci spigano: «É una tecnica di meditazione laica in cui cane e padrone entrano in una sorta di simbiosi. I cani hanno una struttura mentale più semplice degli umani e sono naturalmente focalizzati sul qui e ora».

Hic et nunc, auto consapevolezza umano-bestiale.

Potrebbe interessarti anche