Indecorosa affissione delle epigrafi funerarie sui muri e colonne

S.Leucio (CE) –  Sembra che a Caserta  non ci sia posto per i morti. E che l’esiguo spazio dedicato loro, agli “angoli della città”, sia perfino esposto “alle deiezioni canine”. Lo denunciano alcuni cittadini, indignati per la «indecorosa affissione delle epigrafi funerarie sui muri del centro, senza rispetto nei confronti dei defunti e delle famiglie».

A farsi portavoce di questa segnalazione dalla Real Seteria e Colonia di San Leucio  è l’ex assessore comunale Pasquale Napoletano che posta sul social un post :

‘Caro Amico Sindaco,
Tu che notoriamente sei attento all’arte ed al DECORO URBANO, per cultura e tradizione,Vuoi gentilmente di IMPERIO,nella qualità,mediante ORDINANZA,vietare “agli attacchini dei necrologi” di imbrattare, devastare e violentare le colonne ed i poggi Borbonici che caratterizzano l’architettura del Real Sito di San Leucio ?
Il Decoro Urbano è sinonimo di una civiltà che dalle nostre parti sembra da tempo sopita. Non me ne vogliano gli operatori del settore ma basta poco per essere onorevoli.😷
ILLO TEMPORE feci collocare in piazza della Seta apposita bacheca metallica,ancora ivi posta, ma evidentemente la colla sul ferro non attacca. ‘

Ma cosa ne pensano le imprese di onoranze funebri? Eppure esistono luoghi istituzionalizzati dove affiggerle. Ognuno intanto le mette a caso, e spesso unicamente per farsi pubblicità. Servono altre bacheche comunali, sembra diventato un volantinaggio. Attaccarle ai muri di o alle colonne di rilevanza storica non sempre incontra il favore dei residenti, incapaci magari di protestare perché vincolati dal rispetto verso i sentimenti».