Reggia di Caserta: Il Tar del Lazio accoglie il ricorso di Tarasco. Sospeso l’insediamento di Maffei

Molto tormentata la vicenda della nomina del direttore della Reggia di Caserta che dovrebbe insediarsi il 20 giugno. Infatti, Tiziana Maffei, ieri ha firmato l’atto formale , sennonché il 25 giugno il Tar del Lazio, sezione Seconda Quater, presidente Leonardo Pasanisi, potrebbe cambiare il corso delle cose, se accoglierà il ricorso di Antonio Tarasco, dirigente di seconda fascia del Mibact e docente universitario, che aveva partecipato alla selezione per il nuovo manager.

Parliamo del ricorso che il suddetto ha presentato contro il Ministero dei Beni e delle Attivita’ Culturali e nei confronti di Tiziana Maffei, entrambi non costituitosi in giudizio, relativo alla “procedura di selezione pubblica per il conferimento dell’incarico di livello dirigenziale generale di Direttore delle Gallerie dell’Accademia di Venezia, della Reggia di Caserta e del Parco archeologico di Pompei, di cui al Decreto del Direttore generale Organizzazione 23 novembre 2018, rep. 1804”, nella parte in cui non individua il ricorrente nelle terne dei candidati da sottoporre al Ministro ai fini del conferimento dell’incarico di direttore degli istituti oggetto di selezione, e per tutti gli atti presupposti, consequenziali o comunque connessi.

 

Tarasco ricorre alla magistratura amministrativa contro il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che nomina Tiziana Maffei direttore generale della Reggia di Caserta, contro il comunicato dell’Ufficio Stampa Mibact del 27 maggio 2019, denominato “Selezione Direttore Reggia di Caserta, nessuna criticità o errore materiale” nonché contro la risposta del ministro Alberto Bonisoli all’interrogazione parlamentare alla Camera del 29 maggio scorso, quando ha sottolineato che “non è stata rilevata criticità o errore materiale di calcolo” nei punteggi attribuiti ai partecipanti alla selezione, e che la procedura non prevedeva di sommare i punteggi delle tre diverse fasi in cui si era svolta.

Nel frattempo, il Tar decide che “nelle more della trattazione dell’istanza cautelare nei modi ordinari già fissata per il 25 giugno, sussiste il prospettato danno grave ed irreparabile, per cui è opportuno accogliere la suindicata istanza di misure cautelari monocratiche (fermi restando i necessari approfondimenti – nel contraddittorio tra le parti – sulla giurisdizione e sulle questioni di merito dedotte)”. Quindi, a questo punto, la procedura di insediamento per ora è sospesa  dal  Tar.

error: Content is protected !!